INUMAZIONE E TUMULAZIONE

Un omaggio al defunto e ai presenti

Colombari_5-1024x680.jpg

La solennità del rito funebre termina con la sepoltura o la cremazione. Se il desiderio espresso dal defunto è quello di concludere il suo viaggio sulla terra attraverso la sepoltura, è opportuno conoscerne le due tipologie: per inumazione o tumulazione. 

 

Inumazione

L‘inumazione prevede che il corpo venga deposto all’interno di una bara, che a sua volta viene sepolta all’interno di una fossa scavata nella nuda terra. L’etimologia della parola ne chiarisce perfettamente il significato: la parola italiana deriva dal latino in+humare che a sua volta deriva dalla parola humus, cioè terra: seppellire in terra. Questa soluzione spesso viene scelta per motivazioni etiche, essendo vista come un ritorno alla terra, da cui tutto ha origine. 

Tumulazione

La tumulazione, invece, prevede che il defunto sia posto all’interno di due casse: la prima in zinco con spessore non inferiore ai 0,6 mm. e la seconda in legno. La sepoltura avverrà quindi all’interno di una tomba, una cappella di famiglia o un loculo. 

 

Anche in questo caso cerchiamo di differenziare il nostro approccio. Durante l’inumazione o la tumulazione offriamo ai presenti un omaggio floreale, un simbolo che possa suggellare un momento importante. 

Un fiore da portare a casa per ricordare e, come ci piace sperare, che possa alleviare un poco il vuoto che si sente nel cuore.

IN CASO DI DECESSO, IN OGNI CASO, CI SIAMO